Il futuro ha 6 parole magiche

Share on facebook
Facebook
Share on google
Google+
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn

Scegliere sei parole per avere una formula magica che ci permetterà di vedere il futuro

Immaginatevi di essere dei piccoli Davide davanti ad un immenso Golia e per un attimo abbastanza lungo chiudete gli occhi e sentite la paura che potreste provare. E ora continuando a sentire quella paura immaginate che Golia si trasformi in una gigantesca onda provocata da uno Tsunami, oppure sia diventato di colpo invisibile ai vostri occhi, ma visibile ad un telescopio e abbia la forma di un virus letale. Sicuramente continuereste a sentire la stessa profonda paura di morire, schiacciati da una forza più grande di voi. Vi sentireste impotenti, spaventati, insignificanti e qualcuno anche arrabbiato per una morte così repentina e allo stesso tempo spaventosa. E ora respirate profondamente e pensate che, anche se sono cose che possono accadere, noi tutti possiamo fare qualcosa affinché non ci siano altri giganti Golia che possano attentare al nostro futuro.


1. Cooperazione

Usare alcune parole magiche per vedere la realtà attraverso di esse. La prima è cooperazione, così definita sul Vocabolario Online di Treccani:

Opera prestata ad altri o insieme ad altri, per la realizzazione di un'impresa o per il conseguimento di un fine.

Pensate ad una partita di basket, calcio, pallavolo, solo se tutta la squadra “gioca insieme” e gioca bene, può provare a vincere. La realizzazione di un palazzo può avvenire solo grazie al lavoro di architetti, ingegneri e operai. Pensate alle squadre di soccorso dei pompieri intenti a spegnere un incendio, o ad un ospedale dove tutti operano per salvare vite umane, alla scuola dove l’intero corpo docenti educa i nostri figli, all’impresa in cui lavorate. Solo se si opera insieme, anzi solo se si coopera, si riesce a portare a termine un progetto, un compito, a perseguire uno scopo.



2. Ecosistema

Ed ora passiamo alla seconda parola.

In ecologia è l'insieme degli organismi viventi e delle sostanze non viventi con le quali i primi stabiliscono uno scambio di materiali ed energia, in un'area delimitata (un lago, un prato, un bosco…). Quasi sempre gli ecosistemi sono sistemi aperti che hanno scambi più o meno intensi di materiali e di energia con altri ecosistemi.

E ora ditemi, la nostra partita sportiva non avviene in un luogo definito (uno stadio) dove sono presenti molti organismi differenti (giocatori, allenatori, spettatori, organizzatori) e tra questi c’è uno scambio di energia e non solo? E quando vi comprate un panino o una bibita non interagite forse con un altro ecosistema economico che consente la sussistenza di diversi operatori del settore che a loro volta interagiscono con altri ecosistemi come i fornitori delle bibite, i produttori delle bibite, i lavoratori che nello stabilimento producono quelle bibite, ecc.?

Ecosistema - Treccani Vocabolario OnLine


3. Complessità

Passiamo ora alla terza parola.

Complessità che è la caratteristica di un sistema concepito come un aggregato organico e strutturato di parti tra loro interagenti, in base alla quale il comportamento globale del sistema non è immediatamente riconducibile a quello dei singoli costituenti, dipendendo dal modo in cui essi interagiscono.

Treccani Vocabolario OnLine

Ritorniamo sempre all’esempio della nostra partita. Ogni elemento di quell’ecosistema non è a sua volta genitore/figlio/fratello o sorella di qualcun altro? E forse anche dipendente di un’azienda? Sicuramente sarà consumatore di cibo, di abbigliamento e auspicabilmente, di vacanze. E lo stadio dove viene giocata la partita non è forse il risultato del lavoro di molte persone sia per la realizzazione che per la sua gestione e manutenzione? E tutte queste persone che hanno interazioni con altre persone e con oggetti, non rappresentano forse la complessità della società che viviamo e che ha ripercussioni che non riusciamo neanche ad immaginare?


4. Antropologia


La nostra quarta parola è antropologia ovvero la scienza dell'uomo, considerato sia come individuo, sia in aggregati quali comunità. Ma per ora lasciamola lì, questa parola. Dopo ci disvelerà la sua funzione.
Passiamo, invece alla nostra quinta parola magica:


5. Biodiversità

Biodiversità che è la variabilità degli organismi viventi all'interno di una singola specie (diversità genetica), fra specie diverse e tra ecosistemi. Esistono 1,75 milioni di specie note e una cifra non precisa tra 3,63 e 11 milioni le specie non note, ma stimate. La sua importanza consiste nel ruolo che riveste nel mantenere l'equilibrio dinamico della biosfera e in un ecosistema ne determina la capacità di reagire e adattarsi ai mutamenti e perturbazioni ambientali, quindi ne determina la sopravvivenza.

Biovidersità - Treccani Vocabolario OnLine


Se riflettiamo su queste ultime due parole riusciamo a vedere che il quadro si completa e la sua forma inizia ad apparirci. Noi esseri umani, sia come individui che come comunità siamo parte di molti ecosistemi, che hanno complessità riconducibili ai molti ecosistemi che viviamo e all’interno dei quali cooperiamo.


6. Consapevolezza

Se riuscissimo anche a reagire ai mutamenti mettendo al centro, non noi stessi, ma il pianeta che abitiamo e la ricchezza che ha attraverso la sua biodiversità, saremmo in grado di vedere che ogni nostra azione ha delle conseguenze e che oggi stiamo vivendo nell’era della consapevolezza.



Ognuno di noi può e deve fare la sua parte per poter scrivere un futuro senza più nessun Golia, visibile o invisibile che sia, sulla via che ci porta verso il futuro.

Susanna Di Vincenzo

More to explorer

L’impegno verso la Sostenibilità

L’impegno verso la Sostenibilità Sempre più spesso la parola “sostenibilità” è protagonista delle occasioni di comunicazione più disparate. Aziende che dichiarano di

1 commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *